"What are we made for?"

“Ci sono cose che non smetteresti mai di guardare.
Cose che catturano il tuo sguardo e non lo lasciano andare.
Cose che lasciano un’impronta indelebile sulla tua retina.
Cose che lasciano un’impronta indelebile sulla tua Anima.
Cose che non ti sazi di guardare.
E mentre cerchi di scoprire il perché di tanto fascino,
scopri dopo e solo dopo, ripensandoci,
che le guardavi perché le amavi.”

– Pedro Almodovar (via diamoresivive)

You’re addicted to pain
Too blind to see you’re lost in the shadows

- I dolori del giovane Werther (J.W Goethe)
penso di essermi perdutamente innamorata di questo libro

- I dolori del giovane Werther (J.W Goethe)

penso di essermi perdutamente innamorata di questo libro

“Il genere umano ha molte debolezze, ma le due principali erano: incapacità di arrivare in orario e incapacità di mantenere le promesse.”

– C. Bukowski (via 90kmdalui)

“Soy un amante de los encuentros improbables, de aquellos momentos donde la existencia nos cambia en un instante, soy un tipo que vive pensando en las causas, una misteriosa especie que a todo lo que pasa a su alrededor le quiere dar sentido, yo me siento rico en todo lugar en cada tiempo no porque quiero tener más sino porque con lo que tengo soy agradecido, con la belleza de pensar he sido bendecido, la magia para crear en la adversidad es uno de mis instintos, la luz que entra por mis ojos, el viento del mar acariciando mi rostro, mis pies marcando pasos, mi piel sintiendo el calor del ocaso, todo abrazo y todo dejo, tal vez un día encuentre mi lugar y siga caminando pero estoy consciente que a este mundo, solo vine de paso”

La belleza de pensar por Quetzal Noah (via quetzalnoah)

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
E ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
Le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.


Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
Non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
Le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale - Eugenio Montale (via uncampodineve)

"What are we made for?"

"What are we made for?"

Pedro Almodovar (via diamoresivive)

Ci sono cose che non smetteresti mai di guardare.
Cose che catturano il tuo sguardo e non lo lasciano andare.
Cose che lasciano un’impronta indelebile sulla tua retina.
Cose che lasciano un’impronta indelebile sulla tua Anima.
Cose che non ti sazi di guardare.
E mentre cerchi di scoprire il perché di tanto fascino,
scopri dopo e solo dopo, ripensandoci,
che le guardavi perché le amavi.

You’re addicted to pain
Too blind to see you’re lost in the shadows

Marylin Monroe (via siamociochepossiamoessere)

Non accettate le briciole. Ci hanno fatto donne, non formiche.

C. Bukowski (via 90kmdalui)

Il genere umano ha molte debolezze, ma le due principali erano: incapacità di arrivare in orario e incapacità di mantenere le promesse.

La belleza de pensar por Quetzal Noah (via quetzalnoah)

Soy un amante de los encuentros improbables, de aquellos momentos donde la existencia nos cambia en un instante, soy un tipo que vive pensando en las causas, una misteriosa especie que a todo lo que pasa a su alrededor le quiere dar sentido, yo me siento rico en todo lugar en cada tiempo no porque quiero tener más sino porque con lo que tengo soy agradecido, con la belleza de pensar he sido bendecido, la magia para crear en la adversidad es uno de mis instintos, la luz que entra por mis ojos, el viento del mar acariciando mi rostro, mis pies marcando pasos, mi piel sintiendo el calor del ocaso, todo abrazo y todo dejo, tal vez un día encuentre mi lugar y siga caminando pero estoy consciente que a este mundo, solo vine de paso

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale - Eugenio Montale (via uncampodineve)

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
E ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
Le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.


Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
Non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
Le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

TotallyLayouts has Tumblr Themes, Twitter Backgrounds, Facebook Covers, Tumblr Music Player and Tumblr Follower Counter